lug
10
2022

Dall’evoluzione di Darwin alla biologia molecolare, di Mario Budroni

SOMMARIO: 1 Origin of species. 2 Lamarck. 3 Filogenetica molecolare. 4 Le nuove scoperte. 5 L’origine della vita. 6 L’Endosimbiosi.  7 Dall’ipotesi alla sperimentazione. 8 Conclusioni.

…Continua »

lug
9
2022

DOMANI RIPRENDIAMO

L’interruzione delle pubblicazioni di questo sito per  dieci giorni è stata causata dal blocco della linea del browser e da difficoltà dell’amministrazione. Ce ne scusiamo. Ora riprendiamo.

 

giu
30
2022

Confronto sulle rinnovabili a Sanluri: Agricoltura e energia: un matrimonio possibile, di Giuseppe Centore

…Continua »

giu
27
2022

Da Tonino Cabizzosu uno studio capitale sulla dirigenza ecclesiale isolana di un secolo. E’ uscito il primo volume di “Per una storia della Conferenza Episcopale Sarda (1850-1950)”, di Gianfranco Murtas

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

…Continua »

giu
25
2022

«Dobbiamo guardare al futuro, è arrivato il momento di osare di più», intervista al presidente della Fasi Bastianino Mossa, di Luciano Piras

…Continua »

giu
23
2022

Le sfide dell’Occidente, il rilancio europeo, di Ernesto Galli della Loggia

È indispensabile che venga spezzata la gabbia d’acciaio dei Trattati fondativi dell’Unione, i quali impongono l’unanimità per qualunque decisione di rilievo. L’Italia prenda un’iniziativa decisa in tal senso.

…Continua »

giu
19
2022

Il professor Onni: «Processo difficile da ribaltare ma il turismo può dare una mano ai piccoli centri», di Claudio Zoccheddu

…Continua »

giu
16
2022

Il senso profondo della Sardegna, di Andrea Mereu

I libri, la mia vita. Impugno “Cronache dal sottosuolo” del compianto Antonello Satta e mi commuovo. Pilucco poi pagine de “I Gramsci a Sorgono” di Marco Marras e il pensiero vola soave alle vicende nascoste della nostra terra che solo attenti cultori delle lettere sono in grado di recintare e consegnare ai posteri. Sarà che mi accingo a partire per Londra e una certa nostalgia mi tradisce seppure la vita inglese mi soddisfi appieno. Mentre scorro l’introibo del libro di Satta, mi rendo conto di quanto la mia condizione interiore sia migrata dalla ricerca ossessiva delle categorie oggettive dell’esistenza occidentale, ovvero la famiglia, la carriera, il raggiungimento dei più disparati obiettivi perlopiù di natura materiale, a un più rilassato godimento delle radici e delle culture appunto- del sottosuolo- che le contornano ancorando le origini alla terra. Traggo più godimento a contornarmi di amici, nuovi e d’infanzia, con i quali riunirci in banchetti dedicati alla narrazione di vecchi ricordi o alla condivisione di altrettanti momenti di riflessione. Un connubio che restituisce centralità al mio senso più mite e devoto alla causa interiore. Noi sardi formiamo una nazione compatta. Seppur io ritenga che il sardismo sia uno psichismo e nasconda in seno i semi della sua stessa disfatta, colgo l’essenza unica della nostra natura che ci accomuna pure se siamo di Seulo o di Bitti. E siamo molto arditi, nonostante la corazza sia corrosa dall’indulgenza a stare ritti finché fa comodo. Lo Stato è un alleato cui noi sardi dovremmo guardare con quel principio cui dovremmo guardare ugualmente il mondo. Non siamo i migliori. Non in un assoluto privo di confronti o contatti. Siamo però mossi da istinti ben riposti che ci uniscono alla nostra cultura in maniera viscerale. Ed è proprio alla cultura, nelle varie declinazioni, che dovremmo puntare per arrivare a nuovi patti con i governanti. È di pochi giorni addietro la celebrazione della sentitissima festa campestre di San Mauro a Sorgono. Il battesimo delle feste in Barbagia. Il rito, cui partecipo con una religiosità assai intima, mi ha restituito il senso de su Connotu, dell’essere nel posto giusto, al netto delle contaminazioni di una civiltà che assale l’isola con le innovazioni senza lasciare il respiro ai retaggi e alle tradizioni portate avanti da pochi baluardi. Potremmo definirci la nazione del ballo sardo, della piazza, de sa gente. Ma so che agli irriducibili con le ginocchia rigide una tal definizione causerebbe crampi di risate. Io trovo invero stucchevole l’iperbole socioeconomica utilizzata per cercare di declinare il futuro della Sardegna a un destino simile alla gogna. Non ci accade nulla di misterioso, tranne che un capitalismo impetuoso ha sottoposto l’intera provincia italiana a un declino rovinoso senza apparente soluzione. E se tornassimo tutti a Biddafraigada? Così scrisse Satta. Perché l’educazione dei figli comporta appunto l’insegnamento dei giusti confini. Il mondo come lo avevamo interpretato, ha esteso i suoi limiti verso territori fuori dalla nostra portata. Un giorno scriverò della vita a Londra ripulita dal fascino della storia. Non faccio pauperismo dialettico. Ormai l’altrove è come casa, con le medesime prove sostenute entro regole appena differenti. Mi domando se tornerei. Ma non ho risposte. Anzi, lo farei. Ma finché sento di prendere un aereo perché ubbidisco alla ragione, mi sentirò un disterrau privilegiato. Che soffre il male minore in questo tempo muto. Seminare su Connotu per rientrare finalmente a casa. Andrea Mereu Operatore culturale a Londra

 

L’UNIONE SARDA, 9  giugno 2022

 

giu
14
2022

Lombardi Satriani e la cultura del Sud, di Mario Faticoni

…Continua »

giu
12
2022

Fra guerra, crisi socioeconomica, ambientale ed energetica: quali alternative per la Sardegna? di Federico Francioni

APERTURA  DI UN DIBATTITO,  in vista dell’AUTUNNO

Premessa – Dalla Sardegna, dal Mediterraneo, dalle nazioni senza Stato d’Europa si levi un grido consapevole e potente per la pace – Transizione ecologica o transizione illogica? – Andiamo verso il suicidio demografico? – Cosa possiamo fare?

…Continua »