Categoria: Politica internazionale

EUROPA, O LA PACE O LA GUERRA, di Claudio Cerasa

L’Europa può essere di nuovo sexy difendendo i suoi valori? I populisti? Sono contro il popolo. L’Italia vista da fuori? Esiste solo Salvini”. Una chiacchierata con Antonio Costa, premier portoghese “Abbiamo il dovere di rispondere alle domande dei cittadini, e di conquistarne di nuovo la fiducia. Si può fare”.

Parliamo con la Cina, sì. Ma forse non siamo pronti, di MAURIZIO SCARPARI

Xi Jinping,   il primo leader di Pechino autenticamente globale e l’Occidente pare non rendersi conto appieno delle sfide che questo significa. Anche l’Italia, che pure si è dotata di una «task force» per le relazioni economiche, non sembra essere davvero attrezzata. E gli Istituti Confucio disseminati nelle università condizionano direttamente e indirettamente la nostra capacità [...]

GLI EUROPEI NON SONO POI COSI’ DIVISI, di Alberto Alesina

Le differenze e i conflitti di interessi ci sono anche tra gli Stati americani o tra le nostre regioni, ma sono superati senza rotture definitive.

Il Qatar in Gallura, di Enrico Lobina

L’EDITORIALE della DOMENICA  della Fondazione

Le ombre americane sulla crisi, di Angelo Panebianco

Senza cambiamenti significativi nella politica degli Stati Uniti appare chiaro che l’impasse dell’Europa non potrà smettere si aggravarsi.

Le decisioni del Consiglio Ue Ecco perché a Bruxelles perdono tutti, di Federico Fubini

Non un solo Paese si è detto disposto ad aprire i «centri controllati» o ad aprire i porti insieme all’Italia.

Migranti, c’è l’accordo Ue: migranti distribuiti in tutti i Paesi ma solo su base volontaria

Conte soddisfatto: l’Italia non è più sola, avrei corretto qualcosa ma abbiamo fatto l’accordo in 28. Salvini scettico: passi avanti, ma non mi fido delle parole. Pubblichiamo il documento firmato dai 28 capi di governo ed il commento giornalistico della  STAMPA  di oggi.

Vertice Ue sui migranti, ecco la proposta italiana in dieci punti

Tra i passaggi più significativi, il superamento del criterio di “Paese di primo arrivo. Chi sbarca in Italia, sbarca in Europa”. E poi la responsabilità comune sui naufraghi (“scindere tra porto sicuro di sbarco e Paese competente a esaminare le richieste d’asilo”). Infine vengono chiesti “centri di accoglienza in più Paesi europei”. La repubblica, 24 [...]

Lágrimas y abrazos en el desembarco del ‘Aquarius’: “Good bye, my friend”, di Naira Galarraga Gortzar

Los desembarcos han comenzado minutos antes de las siete de la mañana. Los recién llegados están recibiendo un documento en el que se les pregunta si quieren ir a Francia. Dal sito di  EL PAIS

Italia-Francia, una storia di pregiudizi reciproci, di Massimo Nava

La crisi nei rapporti bilaterali, anche se si è ricomposta, come sempre ha lasciato l’amaro in bocca per l’effetto devastante delle parole sulle opinioni pubbliche.