Categoria: Europa

Cambiare i Trattati per salvare l’Unione Europea, di Angelo Panebianco

LA CRISI DI UN MODELLO. Bisogna apportare cambiamenti radicali e ridefinire in senso confederale l’organizzazione dell’Ue, ponendo fine allo scontro fra democrazia e integrazione

L’Europa non si commuove mentre l’Italia trema, di Paolo Lepri

La mancanza di «cuore» con cui a Bruxelles (ma anche a Berlino e Parigi nessuna finestra è stata accesa domenica, in cancelleria e all’Eliseo) si è reagito alla notizia del terremoto più grave dal 1980 è il segnale di una crisi di motivazioni ideali che alimenta la malattia dell’estraneità.

L’Europa alla prova sulla sicurezza comune, di Angelo Panebianco

Bisogna costituire un corpo di polizia di frontiera e varare norme per «ritirare dal mercato», trattandoli come criminali di guerra, i combattenti jihadisti di ritorno (anche i nostri Stati liberali hanno il diritto/dovere di proteggersi). C’è da regolare il rapporto con le comunità musulmane.

GERMANIA IMMIGRATI, di Fiorella Farinelli,

Angela Merkel: “Promuovere e pretendere”. Promuovere significa farli andare avanti questi giovani che arrivano da noi in fuga da guerre, povertà, disastri ambientali, ma anche determinati a costruirsi una nuova vita. Pretendere è imporre regole di comportamento e impegni scambi difficilmente aggirabili.

Gli intellettuali contro la democrazia, di Nadia Urbinati

«Ci sono alcune decisioni, quelle che richiedono una dose di conoscenza e riflessione maggiore, che non possono essere prese da tutti, e soprattutto da coloro che per loro scelta si so no resi incompetenti. Questo argomento antidemocratico trova oggi uno spazio preoccupante».

LA BUSSOLA SCOZZESE-IRLANDESE, di Federico Francioni

Sommario: In controtendenza – Campagna contro città? – La battaglia di scozzesi e irlandesi contro l’eurocrazia – Obiezioni alle scelte di Scottish National Party e Sinn Fein – Intensificare i rapporti fra le nazioni europee senza Stato – Conclusioni: unu fraile, un laboratorio per le forze sardiste-indipendentiste e per tutta la società isolana.