Categoria: Europa

Senza un vero federalismo Europa e Italia soffocano. Dialogo tra LUIGI MARCO BASSANI e ALBERTO MARTINELLI a cura di ANTONIO CARIOTI

  Carlo Cattaneo. Nato a Milano nel 1801, pensatore federalista repubblicano, nel 1848  guidò le Cinque giornate di Milano e fu costretto all’esilio datorno degli austriaci. Critico  verso l’unificazione realizzata sotto i Savoia, morì in Svizzera nel 1869.   Carlo Cattaneo                              [...]

“Il popolo che non fa chiasso salverà l’Europa”, di Emmanuele Michela.

Parla il cardinale Angelo Bagnasco: “l vari sovranismi sono stati snobati, ma erano presenti da tempo. …  Negare un’identità è il modo migliore per farla emergere, talvolta anche in maniera patologica”.  lNTERVISTA AL PRESIDENTE  DEI VESCOVI EUROPEI.

Il voto sull’Europa, la nostra anomalia, di Angelo Panebianco

È difficile che l’imminente consultazione elettorale chiarisca agli occhi degli italiani quale sia la vera posta in gioco. Regnerà, come al solito, la confusione.

EUROPA, O LA PACE O LA GUERRA, di Claudio Cerasa

L’Europa può essere di nuovo sexy difendendo i suoi valori? I populisti? Sono contro il popolo. L’Italia vista da fuori? Esiste solo Salvini”. Una chiacchierata con Antonio Costa, premier portoghese “Abbiamo il dovere di rispondere alle domande dei cittadini, e di conquistarne di nuovo la fiducia. Si può fare”.

Globalisti e sovranisti: una divisione ed una lotta che si nutre degli aspetti negativi degli uni e degli altri, di Bachisio Bandinu

L’EDITORIALE  DELLA DOMENICA  della Fondazione. Continua il dibattito iniziato nell’articolo  “Globalisti” e “sovranisti”, i termini del nuovo scontro ideologico, di Salvatore Cubeddu, in questo sito, il 2.’9.2018.

GLI EUROPEI NON SONO POI COSI’ DIVISI, di Alberto Alesina

Le differenze e i conflitti di interessi ci sono anche tra gli Stati americani o tra le nostre regioni, ma sono superati senza rotture definitive.

Le decisioni del Consiglio Ue Ecco perché a Bruxelles perdono tutti, di Federico Fubini

Non un solo Paese si è detto disposto ad aprire i «centri controllati» o ad aprire i porti insieme all’Italia.

Migranti, c’è l’accordo Ue: migranti distribuiti in tutti i Paesi ma solo su base volontaria

Conte soddisfatto: l’Italia non è più sola, avrei corretto qualcosa ma abbiamo fatto l’accordo in 28. Salvini scettico: passi avanti, ma non mi fido delle parole. Pubblichiamo il documento firmato dai 28 capi di governo ed il commento giornalistico della  STAMPA  di oggi.