‘Cabudanne’ e ‘Cumprendia’, duas poesias de Mario Cubeddu Morette

Su sabodo de sa poesia: su de chimbi (cun duas poesias) de Mario Cubeddu Morette.

Cabudanne

 

In sa dies chi s’abba

amoddigat s’ureu

e calat sa conca pastinaga

ispinniat sa laghinza s’èlighi e s’arrua;

lughit in s’oro sa figu morisca

e sa melaghidonza cominzat a imurrae,

tempus est po sa perdighi ‘e s’ordinzae

s’interru, su fedu allirgu sartiat

in ‘entre ‘e s’arbeghe, mezus chi no ischet;

at cotu su suzaghe sas ballas

po sa gherra ‘e sas cannugas.

 

Settembre

 

Nei giorni in cui l’acqua

intenerisce il cardo

e la pastinaca china la testa

le giovani pecore brucano rovo e leccio;

brilla nell’oro il fico d’india

e il melo cotogno comincia ad ingrigire;

è tempo per la pernice di prepararsi

il funerale, gioiosi agnelli saltano

nel ventre delle madri, meglio che non sappiano;

ha maturato il bagolaro le palline

per la guerra delle canne.

***

Cumprendia

Naraiat ca ischidiat totu de me,

issa  aiat cumprendiu totu a fundu;

deo, no ischidiu mancu de inue

comintzae po bier su chi fui;

naraiu ca ei, cheriu a mi cherrer;

ma issa mi cheriat solu cumprèndere.

 

 

Intelligente

Diceva di sapere tutto di me,

lei sì che aveva capito tutto a fondo;

io, che non sapevo da che parte

cominciare per capire me stesso,

mi andava bene, volevo che mi amasse.

Ma a lei interessava solo capirmi.


Condividi su:

    Lascia un commento