Logos, de Mario Cubeddu

Su sabodo de sa poesia: sa de duas de Mario Cubeddu Morette

Logos

di Mario Cubeddu

 

Po chi su nùmini ‘e sos logos torret a sa terra

Fujii Sadakazu Tokio 1942

 

Paschent in s’adde chi s’aperit lena

Ànghila Beccu cun Micheli ‘Ana;

a inue si ch’est bolau Mariane Fumu

imparis cun Caudu e Perdu Puddu?

Pauli Malutzu est andau a cricae a Ballore,

ballat tziu Liberu imparis cun tziu Attollu;

Pascasu in tunica saludat de tesu

cuddas funtanas de Trobinu longu,

tempus de mesu, inue Perdu Mùrtinu

pigat s’Iscala de Antoni Cossa

e Lena Loca currit a sos ballos.

Bachis Aritzu naran chi est andau

a sa Muntraba imparis cun Ambrosu.

Deus faet a s’òmini e s’òmini su logu.

Inue ch’est como cudda zente antiga?

Frores de mèndula in logu matessi

àndant, e sos anzones de hoc annu.

 

 

Paesaggio

 

Che il nome dei luoghi torni alla terra

Fujii Sadakazu Tokio 1942

 

 

Pascolano nella valle che si apre dolce

Angela Beccu con Michele De Ana;

dove è volato Mariano Fumu

insieme a Caudu e a Pietro Puddu?

Paolo Malutzu è andato a cercare Salvatore

Zio Libero balla con zio Tolu;

il romano Pascasio saluta da lontano

le fontane di Torbino Longu,

medioevo, quando Pietro Mùrtinu

prende la salita di Antonio Cossa

ed Elena Loche corre a ballare.

Bachis Aritzu dicono sia andato

a Sa Muntraba insieme ad Ambrogio.

Dio crea l’uomo e l’uomo il paesaggio.

Dove è andata ora quella gente antica?

Vanno nello stesso luogo i fiori del mandorlo

e gli agnelli di quest’anno.

 

NB  Tutti i nomi sono toponimi del territorio di Seneghe (nella foto).

 

 

 

Condividi su:

    Lascia un commento