CARBONIA …. addio! di Salvatore Cubeddu

EDITORIALE DELLA DOMENICA,  della  FONDAZIONE

 

Due settimane amare per il Sulcis del carbone e delle miniere, queste ultime. Per la nuova politica ‘verde’  del governo Conte e per la cacciata del Geoparco dai siti riconosciuti dall’Unesco. Direi che, delle due, quest’ultima è la peggiore, per quanto dice dei Sulcitani di oggi, seppure l’espulsione del carbone dall’economia industriale  mondiale, diventato il ‘nemico numero uno’ dei giovani ambientalisti, segna di una tara amara la città italiana portataci dal fascismo, con i suoi abitanti raccogliticci che si sono ricostruiti una storia in questo Sulcis già disabitato e da secoli privo di speranze.

I minatori sapevano bene che le polveri di miniera, prima dei fumi nell’aria, ammazzavano i loro polmoni portandoli precocemente alla tomba. Le ricorrenti chiusure avevano segnato prima la fine del fascismo, poi la repubblicana Carbonifera Sarda, quindi l’ultima inutile apertura richiesta alla fine degli anni Ottanta dello scorso secolo. I Carboniensi, abitatori di una ‘città politica’, hanno vissuto intensamente tutte le stagioni italiane: il fascismo, guidati da Villa Sulcis;  il comunismo, dettato dalla Camera del Lavoro e dal sindacato dei minatori; il post comunismo attraverso le varie trasformazioni dei suoi ex, e infine dai socialisti fino a Forza Italia e ora ai 5 stelle. Vi è esistita persino una forte sezione sardista, sempre presente ma mai egemone. Carbonia, per sopravvivere, ha sempre lottato per il lavoro abituandosi presto ai cicli dell’assistenza. Loro chiedevano, l’autorità politica doveva rispondere, in genere tramite imprese pubbliche e prepensionamenti.

Si potrebbe dire che è qui che è nata la vertenzialità sindacale: un elenco di cose da fare (che ‘altri’ dovevano fare!), la successiva battaglia in piazza ed in strada per ottenerle, l’assistenza in attesa di eventuali soluzioni. La logica vertenziale non serviva più quando il compito è diventato di tipo imprenditoriale, quello necessario alla tenuta e allo sviluppo del Geoparco.

Quando tutte le miniere, metallurgiche e del carbone, sono state chiuse, si è pensato di tenerne vivo il ricordo proponendole al racconto per i posteri attraverso le visite guidate. Da qui il Geoparco. E i finanziamenti europei e regionali. Cultura e ambiente. Autogestione e amministrazione, non più sindacato e rivendicazione. Ma difficilmente la cultura dell’assistenza e della chiacchiera lamentosa crea responsabilità e propositività. E’ intrinseca alla logica della vertenzialità scaricare sugli altri tutti i doveri, piuttosto che impegnarsi ed impratichirsi nella realizzazione dei propri. Ci insisto. Nel caso del Geoparco bisognava andare oltre l’assistenza diventata stipendificio per pochi. Bisognava ‘fare’, assumersi responsabilità, andare oltre le chiacchiere. Per questo la vicenda del Geoparco è peggiore del non-sense di Carbonia. E sarà di difficilissimo recupero.

E’ il problema che si è posto nell’incontro tra i sindacati ed il presidente Conte: l’elenco delle vertenze da risolvere, tra i quali quelle del carbone ancora necessario per l’industria in Sardegna. Quale industria? La Saras  produce l’energia da sé; nel Sulcis è rimasta la Portovesme srl che lava le scorie di acciaieria per avere la giustificazione di stoccarne i residui nelle vecchie miniere, che risulta così il vero scopo della sua esistenza. Resta l’alluminio. La vertenza dell’ex-Eurallumina è in mano ai delegati di fabbrica e con l’ex-Alcioa è incagliata sulla questione del prezzo dell’energia e della sua accettabilità in Europa. Dov’è l’esigenza di tutta questa elettricità? Per queste ultime due? E dobbiamo pagarla con l’avvelenamento di tutti e di tutto il territorio?

I sindacati, ancora una volta, hanno difficoltà a risolvere il dilemma tra bisogno di lavoro e diritto alla salute. I sindacati rappresentano lavoratori dipendenti. Dipendono, quindi chiedono. E’ una forma di minorità, di cui renderci consapevoli. E’ la debolezza intrinseca del metodo sindacale, soprattutto italiano, che si è fermato di fronte alle esperienze di ‘autogestione’, che avrebbe dovuto positivamente rendere protagonisti i lavoratori e le loro competenze. Ma per il carbone e la metallurgia questo discorso arriva tardi.  Conte non pagherà nessun prezzo nel dirci di no. Ed i cittadini lo applaudiranno.

Comunque, è triste l’ironia sottesa nel  titolo del giornale cagliaritano. “Conte: l’Isola libera dal carbone!”. Come se i Sardi non aspettassero altro.

Cagliari, 6 ottobre 2019

***************************

Sunt istetia duas chidas maras po su Sulcis de su crabone e de sas minieras, custas urtimas duas. Su motivu: sa ‘politica birdi’ de su Guvernu e po s’arritiru de s’Unesco dae su Geoparco.

Cust’urtimu est su peus, po sos de su Sulcis,  poite sa bogada de su crabone dae s’economia industriale de su mundu, chi s’est fatu su nemigu prus mannu de sos pitzinnos in pratza po su logu sicuru, sinnat mare sa zitade de Crbonia, naschia de s’Italia fascista cu zente bennia de donnia parte, e chi puru s’est fata un’istoria cun nois in ottant’annos de vida.

 

Sos minatore ‘dh’’iscidiant poita dh’iant provau cun sos prumones issoro, ca su prunio boganu abbrusandee su crabone avvelenaiat s’aria e totu cantu passaia asuta. Sas minieras sunt istetias  serradas finiu su fascismu, candu cumandaiat ancora sa Carbonifera Sarda, e a pustis de s’urtima aberridura a su tempus de sa Giunta de Mario Melis. Sos de Carbonia, in fortza de sa naschida dezidia dae sa politica, at biviu oso tempos de sa politica italiana, coumandada dai Villa Sulcis in tempos de fascismu, dae sa Camera del lavoro e dae su sundacau comunista a s’incomintzu de sa democrazia e, sighi sighi, dae sos sozialistas, dai Forza Italia e, como, dae sos 5 st. Dhi est istetia semper una setzione sardista, mancari epet contau pagu.

Carbonia, po porrer andae a innantis, sh’at semper gherrada po tennede su triballu, imbitzandesi a coittu a bividi de assistimentu. Isso domandaiant, s’autoridade politica depiat arrispondede, casi semper cun s’impresa de s’Istadu e bogandende sa zente i pentzione.

Siat a porrer narrede chi sa pratiga de su sindacau est naschia innoghe: una lsita de cosa de faghede (‘chiant a deper faghere sos atiros!), sos inghirios in sas istradas po dhos ottennere, su sussidiu in s’ispetu de su triballu.

Custu tipu de atividade sindacale non servit prus si sas cosas sunt in manos tuase tocata a tie a dha mandare a innantis. Osinchi est po su Geoparco. Candu totu sas minieras de crabone e sa metallugriga ant serrau, dhas si chetiat chi abarrente aertas po sichidi a contae ita fuint istetias e ita fuit sutzediu aintur de issas arretzende sa zente in visita. Po custu sebiat su Geoparco. E su dinare de s’Europa e de sa Regione. Po sa cultura de su logu, de guvernare nois cun sabiore e cumpetentzia: non bastaiat e non sebiat su chi iaus fatu innantis:a si lamentare,  domandare e zirriare. Bastat cun sos foeddos ebbia, tocat a dhiat ponner conca e pes.

Est mezus a dh’insistidi. Sos de su Geoparco nondepiant pentzare solu a s’istipendiu, ma triballae e faede su chi depiant.

Po custu, su fattu insoro est prus de cundannae de su chi est sutzediu a sos de Carbonia, chi non tenent crupa de sussu chi dhi est sutzediu. E como non at a fatzili po su Geoparco  a torrare a intrare in sa lista del s’Unesco.

De su matessi problema ant fredda oso sindacaos confederales cun su presidente de su guvernu  italianu Conte: sas vertenzas postas una invatu de s’atira  – cun cussa de su crabone presentziada comente pretzisa po s’industria chi est abarrada in Sardigna. Cale? Sa Saras faede s’energia o contu suo, in su territoriu de su Sulcis est abarrada sa Portovesme srl chi samunat su burtore de sas atziairias de totu s’Europa po chi dhu fuliare aintru de sas gallerias de sas miniaras abandonadas. Po cussu esistit custa fabrica. Sos problemas de s’Eurallumina dha sighit su consizu del fabrica e cun ‘ex-Alcoa totu est frimu po su pretziu de s’eletricidade. A ita sebit totu custa energia? E dha depeus pagare nois arrespirande s’aria avvlelenada?

Sos sindacaos, comente semper, non arrennessent a ponner impare su bisonzu de triballu e su deretu a sa salude.

Sos sindacaos sunt fatos de zente chi di pendet de atere. E po custu dhis tocat a pedidi. Bisonzat a dhiscire e a dhu cumpredere. S’arte de su sindacau est fata osinchi, mascamente in Italia. Innoghe non eus fatu esperimentu de fabricas tentas dae sos triballasores, cun custos chi si faent meres de su triballu insoro e de sa fabrica, gratzias a su ischire fagere de totus. Totu custu, como, nos si podet faghere po su crabone e po sa metallurgia. Sos foeddos nostros arribant tradu. E a Conte no at a costare nudda a si narrer ca nono. Antzis, sa zente dhi zad’arresone.

Comente si siat, faet mare a lezere sa beffa de su giornale castedhaju : “Conte: l’Isola libera dal carbone!”. Comente si sos sardos non ispetaiant chei cussu.

 

 

 

Condividi su:

    Lascia un commento