Non dhu giamedas ‘gubernadore’, sighèi cun “presidente”, dae Boreddu Morette

Non chiamatelo ‘governatore’, ma ‘Presidente’, di Salvatore Cubeddu

Villa Devoto, sede della Presidenza della Regione sarda

Non dhu giamedas ‘gubernadore’, prusaprestu e mezus “presidente”.

Su foedhu ‘gubernadore’ benit dae sos USA: “in sos Istados Unidos de America” sos 13 istados chi faghiant s’Unione, chi innantis fuint istetios colonias ingresas, dh’ant arregotu mancari arregodaiat s’istoria coloniali insoro, ‘gubernadore’ po contu de su re.  Erentzias de su colonialismu, foedhu chi depet ischedhae sos sardos.

Widipedia matessi denunziat comente istrochidura de  modos de narrer americanos custu titulu chi in Italia medas impitant a sos presidentes de sas regiones. “In custos urtimos annos , dae candu su populu votat in direta su presidente, est bessida sa moda, in s’ambiente de sos giornalistas, de zirriare gubernadore cussu chi est istetiu votau a presidente de su guvernu regionale. Est una moda chi non andat bene, chi benit de cussa tzerachia chi a bortas pigat cuss’arte candu istrochet sos americanos, chi andat contra totus sas lezes e sas usantzias de sas atiras natzionese de su mundu”. Zustu, cussu chi lezeus in Wikipedia.

Ma in Italia puru agataus modos de impitu de su foedhu ‘gubernadore’ comente indìtu de una faina: in su 1925 su fascismu, solu po sa zitade de Roma, ha giamadu ‘guvernatore’ cussu chi prima fuit su sindigu e chi in sas atiras biddas e zitades  italianas e sardas iant incomintzau a zirriare ‘podestà’; fuint naos ‘gubernadores sos capos de sas colonias italianas in Libia e in Grecia, e puru sos de ses gubernos del ‘Africa Orientale Italiana. Prima e in mesu a su fascismu.

Su foedhu de ‘gubernadore’ est unu mancamentu de su foedhu ‘presidente’ e, arregodat tempos chi cun sa democratzia non c’intrant nudha.

In su mentres si sighit a ponner una paraula a su postu de s’atira. Fintzas in logos nostros.  E no si cumprendet comente sardos liberos  si poden abituare a custa moda.

A dha narrer totu, sa beridade, custu cambiu de numini praghet a sos apassionados de s’ambiente ingresu e americanu, zente  chi triballat de manu prus chi non de crebedhu, e chi si faghet bellu de sa limba ingresa poita est pagu siguru in su manizu de  sa cultura italiana. Un’ispezie de ‘sotto-cultura’ in italicos pagu seguros de sa sea insoro, non comente sos franzesos e  sos ispagniolos, chi bortant in sa limba insoro donzi foedhu ingresu, mancari nou e tecnicu.

Christian Solinas – e innantis de issu, Franziscu Pigliaru, e puru Capellaci e Soru, e torrende insegus fintzas a su 1949 cun Loisu Crespellani – sunt presidentes votaos dae unu Populu/Natzione, chi dhi narant Sardigna, sa cale, a pusts de 70 annos iat a cherrer sighidi a andare a innantis in sa libertade chi dh’ispetat.

A dhos tzirriare ‘gubernadores’, dhos ponnent paris cun tzente chi non est a s’artesa insoro e non est su foedhu zustu po nois, ischidende chi in s’istadu italianu, una cos asunt sos  Continentales, atira sunt sos sardos. Asumancu po chie si intendet sardu, prima de donnia atera cosa.

Po totu custu: sighei a dhu giamare presidente, presidente de sos Sardos

******

Non chiamatelo ‘governatore’, ma ‘Presidente’.

Il termine ‘governatore’ viene dagli USA: “negli Stati Uniti d’America i 13 stati originari, ex colonie britanniche, lo adottarono ispirandosi al titolo precedentemente utilizzato dal governatore coloniale”. Eredità coloniale, quindi, termine cui i sardi dovrebbero risultare più che sensibili.

Quindi, la stessa Wikipedia declassa a banale imitazione filo americana l’attribuzione del titolo ai presidenti italiani di regione. “Negli ultimi anni, con l’elezione diretta, si è diffuso, nel gergo giornalistico, l’uso del termine “governatore” per designare il presidente della giunta regionale. Si tratta di un uso improprio, riconducibile ad un frequente fenomeno di acculturazione giornalistica al modello federale statunitense, poiché nessuna norma prevede ufficialmente tale titolo”. Ben detto.

Nel sistema costituzionale dell’Italia unita esiste formalizzata la figura del governatore: nel 1925 il governatore della città di Roma intendeva qualificare nella ‘grandezza’ della città la figura del podestà, che designava la figura del responsabile dei comuni nel complesso dello Stato; erano amministrate da un governatore anche le colonie italiane della Libia e del Dodecaneso, nonché i sei governi in cui si suddivideva l’Africa Orientale Italiana. Prima e con il fascismo.

Governatore indica una diminutio rispetto a presidente, è espressione di residui autoritari e di svalutazione di alcune istituzioni rispetto alle altre.

Eppure si continua a insistere nella sostituzione del termine. Anche in ambienti che dovrebbero dimostrarsi vaccinati quanto a cosiddetta sensibilità ‘autonomistica’.

In realtà lo spostamento terminologico dagli Stati americani alle Regioni italiane piace tanto agli anglofoni e in genere a quelle professioni di tecnici sotto-acculturati che usano lingua e termini in inglese perché insicuri della loro padronanza della “cultura italiana”. Sì, ritengo che il termine ‘governatore’ partecipi di quella sottocultura, politica nello specifico. Una sottocultura diffusa che è anche tipica della debolezza identitaria del carattere italico, che si rivela nella facile rinuncia alla propria lingua come in altri campi, diversamente dai francesi e dagli spagnoli, che traducono nella propria ligua i termini tecnici, anche quelli ‘nativi in inglese’. Basta stare un po’ attenti, ai contesti ed ai personaggi che usano l’inglese, persino tra i docenti universitari.

Christian Solinas – e prima di lui Francesco Pigliaru, e ancora Cappellacci e Soru, e via via tornando indietro fino al 1949 con Luigi Crespellani – sono i presidenti eletti da un Popolo/Nazione che si chiama Sardegna, che dopo settant’anni vorrebbe procedere in avanti rispetto alla presente autonomia. Chiamarli ‘governatori’, oltre che parificarli a ipotetici pari grado delle regioni italiane, va considerata una ‘diminutio’ ed una imprecisione, visto che noi siamo un popolo (sardo) che partecipa ad uno Stato che condivide con i ‘Continentali’, non coincidendo con essi secondo la geografia, la storia, la lingua .E quindi nelle istituzioni.

Dunque, continuiamo a chiamarlo ‘Presidente’, il presidente dei Sardi.

 

 

Condividi su:

    1 Comment to “Non dhu giamedas ‘gubernadore’, sighèi cun “presidente”, dae Boreddu Morette”

    1. By Roberto Porrà, 10 giugno 2019 @ 12:46

      Nomina sunt consequentia rerum

    Lascia un commento