Migranti, 200 dollari per imbarcarsi dalla Libia. Viaggia gratis chi porta con sé almeno 4 persone, di Tommaso Carboni e Francesco semprini.

Un business da 35 miliardi di dollari. L’analisi del “listino prezzi” dei viaggi può anticipare rotte e intensità dei flussi migratori.

Trentacinque miliardi di dollari l’anno. Per giro d’affari, il traffico di persone è dietro solo a quello di armi e droghe. Di certo una parte notevole di questi proventi è generata in Africa. Dalla Nigeria, ai paesi della costa occidentale, passando per la striscia del Sahel, fino alla regione del Corno d’Africa: i sogni di fuga di centinaia di migliaia di persone incontrano i “servizi” offerti dai trafficanti. Poi c’è la rotta del Mediterraneo Centrale, attraverso la quale sono sbarcati in Italia circa 600000 migranti dal 2014.

L’industria è dunque potente, organizzata, e ramificata. Per combatterla è utile studiarne i meccanismi di funzionamento interni. Per esempio, le dinamiche dei prezzi, cioè le somme chieste dai trafficanti per il viaggio, oltre al luogo e la tempistica con cui i pagamenti sono effettuati. Informazioni potenzialmente decisive per anticipare le rotte e l’intensità dei flussi migratori.

Quanto costa quindi spostarsi dall’Eritrea al Sudan, e risalire il deserto fino alla Libia? Qual è il prezzo, invece, partendo dal Niger? E, soprattutto, quanto chiedono gli scafisti per la traversata verso l’Italia? Alcuni ricercatori della Global Initiative Against Transnational Organized Crime hanno raccolto questo tipo di dati, intervistando migranti e trafficanti in Africa sub-sahariana, Sahel e Nord Africa.

Fino alla fine del 2013, la traversata dalle coste libiche era molto costosa. I siriani potevano pagare anche più di 2000 euro, con una media che si aggirava tra i 1000 e i 1500 euro testa. Poi si è assistito a un calo per almeno due motivi. Torture, rapimenti e lavori forzati hanno dissuaso i siriani dall’avventurarsi in Libia, lasciando gli africani (disposti a pagare molto meno) come “passeggeri” principali. Allo stesso tempo, i trafficanti si sono accorti di poter abbattere i costi delle loro operazioni.

Progressivamente, hanno smesso di tentare vere e proprie traversate in direzione dell’Italia; limitandosi a condurre barche e gommoni carichi all’inverosimile nelle zone di salvataggio, sempre più vicine alle coste libiche. L’industria si è trasformata così in un business di economie di scale, dove profitti enormi si realizzano contenendo i costi e stipando 100-150 persone in gommoni costruiti per ospitarne 60.

Oggi, secondo le testimonianze raccolte dalla Global Initiative Against Transnational Organized Crime, partire dalla Libia costa al massimo 200 dollari, e sale a bordo gratis chi porta con sé almeno quattro persone (paganti). D’inverno, in condizioni meteo più sfavorevoli, bastano 40-80 dollari a testa.

Una volta consolidato, questo modello risulta difficile da scalfire. Per esempio, a fine 2014, quando Triton ha sostituito Mare Nostrum con un’ area di soccorsi più limitata, le partenze dalla Libia non sono diminuite, e un numero altissimo di persone è annegato in mare. Protetti dalle milizie, e con una domanda in continua crescita, gli scafisti dominano il mercato e hanno pochi incentivi a migliorare la qualità dei loro servizi.

L’altra rotta di particolare rilevanza è quella che attraversa il Niger, controllata dalla tribù nomade dei Tebu (che ha avuto la meglio sui Tuareg), e percorsa perlopiù da cittadini dell’Africa occidentale. Questi costituiscono la maggioranza dei migranti in viaggio verso l’Europa, e si spostano principalmente per ragioni economiche. Il centro di smistamento più importante, fino alla fine del 2016, era la città di Agadez, nel nord del paese.

Tutti i lunedì almeno cento pick-up con a bordo 25-35 migranti partivano per la Libia. Quattro giorni nel deserto fino a Sebha, nella Libia centrale; il prezzo per un passaggio si aggirava tra i 200 e i 400 dollari a testa. Agadez oggi è una città fantasma rispetto all’anno scorso. Si è svuotata dopo la stretta sui traffici chiesta dall’Unione Europea al governo nigerino. Sembra però che si stiano aprendo nuove rotte a ovest, attraverso l’Algeria, e a est verso l’Egitto. Certamente più pericolose (oltreché costose), come dimostrano i cadaveri ritrovati sempre più spesso nel deserto.

Nel Corno d’Africa, il punto nevralgico per lo spostamento dei migranti è Karthum, capitale del Sudan. Per arrivarci dall’Eritrea, uno dei regimi più autoritari del Continente, si paga tra i 3.000 e i 5.000 dollari. Più economico invece dalla Somalia, perché i controlli alle frontiere sono meno severi. Da lì, la prassi era muoversi verso l’Egitto. Oggi però il viaggio è diventato molto più costoso (3.000-5000 dollari). Su pressione politica dell’Unione Europea, l’esercito sudanese ha sigillato i confini settentrionali, assoldando milizie arabe di etnia Janjaweed, tanto spietate quanto efficaci. In alternativa, sembra aver preso piede la pista libica, con i prezzi scesi ai minimi grazie all’intraprendenza di gruppi nomadi che cercano di dirottare verso occidente quei migranti prima destinati all’Egitto.

Per spostarsi da Khartum fino alle coste della Libia si paga oggi appena 1000 dollari. Una delle ultime, e davvero pericolose, tendenze si sta manifestando invece in Somalia. Qui ai migranti, spesso reclutati nei campi profughi, viene offerto di posticipare il pagamento alla conclusione del loro viaggio. Indebitandosi, però, finiscono soggetti a forme estreme di abusi e sfruttamenti, tra cui lunghi periodi di lavoro forzato una volta giunti a destinazione.

 

la stampa 08/09/2017

 

Condividi su:

    Lascia un commento