Agricoltura urbana, iniziative dal basso, una vera transizione, di Enrico Lobina

EDITORIALE DELLA DOMENICA.

Selargius è un comune dell’area metropolitana di Cagliari di poco più di 30.000 abitanti. E’ il sesto od il settimo comune più popoloso della Sardegna, con una solida tradizione ed un riconosciuto blasone nel settore primario (si pensi al cappero selargino).

Selargius, così come tutta l’area metropolitana, ha un numero enorme di disoccupati, di tutte le età, ai quali bisogna aggiungere i giovani che non lavorano e non studiano (NEET nell’acronimo inglese).

L’associazione S’Agiudu torrau è un’associazione selargina il cui scopo è evidente sin dal nome: promuovere pratiche e politiche mutualistiche e di comunità, sostenibili e sovrane.

Angelo Pedditzi, che di S’Agiudu Torrau è uno degli artefici, è un uomo conosciuto e rispettato, che grazie alla sua attività imprenditoriale, ormai non più esistente, ha acquisito credibilità. Conosce tutta Selargius.

Per promuovere la comunità sta guidando, dal basso, un progetto semplice: far lavorare le terre incolte ai disoccupati del territorio, bianchi o neri, giovani o anziani, donne o uomini.

Ha dato l’esempio, mettendo a disposizione in comodato d’uso (in cambio di una cassetta di prodotti alla settimana) i propri terreni. Ogni persona ha mezzo ettaro di terreno, deve coltivare biologico, non si hanno grandi trattori o grandi macchine. Qualche impianto di irrigazione e qualche attrezzo, quello si.

La coltivazione è rigorosamente biologica.

Se un buon cristiano a Selargius ha terreni incolti, e non li mette a disposizione, Angelo fa un casino in parrocchia. Ha ragione, e pare che funzioni.

Un consiglio: i nostri studiosi di sviluppo locale (che per ora non hanno risolto molto) ed i nostri politici si concentrino sull’importanza del “capitale sociale”.

L’esperimento funziona. Sono decine le persone che, ora, hanno da mangiare ed i soldi per le bollette e per l’affitto. Non è molto, ma è meglio che chiedere i soldi ai genitori di 80 ani.

L’esperimento è completamente nato dal basso, ma l’agricoltura urbana ormai è il futuro, ma anche il presente. “La terza edizione di “Seeds&Chips. The Global Food Innovation Summit” ha affrontato il tema della produzione agricola urbana e non, focalizzandosi sulle crescenti necessità di trovare soluzioni per la città autosufficiente: le urban vertical farm”[1].

L’esperimento di Selargius non è agricoltura verticale. L’enorme presenza di terre comuni e di terre incolte in tutta la Sardegna permette che rinasca l’agricoltura orizzontale. Bisogna ripensarla in forma “comunitaria” e di sussistenza, senza far morire altre agricolture (la specializzata, quella orientata all’esportazione, in alcuni casi l’agricoltura e l’allevamento intensivi). Ai sistemi complessi non bisogna opporre soluzioni semplici, perché non sono soluzioni che funzionano. Ai sistemi complessi bisogna rispondere con soluzioni complesse.

 

Il fenomeno descritto è un fiume carsico, che fuoriesce in diversi luoghi e diversi modi. E’ sui giornali di questa settimana che Terralba e Macomer stanno mettendo a disposizione della popolazione le loro terre.

 

Agricoltura ed area metropolitana. Ma cosa è questa area metropolitana? E’ una realtà enorme, per i numeri della Sardegna, ed ignorarla non si può.

Dal punto di vista produttivo, negli ultimi 40 anni, stringi stringi, questi 470.000 sardi si sono basati su due figure lavorative: il dipendente pubblico (nel senso più largo del termine) ed il lavoratore dell’edilizia.

Oggi i due settori sono in crisi. Pensare che debbano morire è un’idiozia. Il presente ed il futuro di questa terra martoriata è una transizione, una trasformazione veloce e profonda di queste due categorie, che garantisca lavoro e futuro a chi in quei settori ci lavora ed agli altri.

Abbiamo bisogno di mantenere reddito e far si che essi (lavoratori pubblici e dell’edilizia) siano volano per una attività di diversificazione.

Il dibattito economico-politico, nell’area metropolitana, sta a zero. Il sindaco di Cagliari, sindaco dell’area metropolitana, ha vinto le elezioni coi lavori pubblici, nella costante tradizione cagliaritana, ma questo non è (quasi) nulla, dal punto di vista di medio periodo. Lo dicono i numeri.

Non che il resto della Sardegna stia meglio. Il rapporto CreNoS certifica che nel 2016 le esportazioni di armi e munizioni dalla Sardegna verso l’estero valgono 60,2 milioni di euro, mentre le esportazioni di prodotti lattiero-caseari 123.

 


[1] http://www.sardegnasoprattutto.com/archives/14217

 

Condividi su:

    1 Comment to “Agricoltura urbana, iniziative dal basso, una vera transizione, di Enrico Lobina”

    1. By Mario Pudhu, 11 giugno 2017 @ 16:20

      Iaus a dèpere cumprèndhere bene cantu e comente s’economia dominante (elefantíaca e galoppante) est un’economia chi giaet arresurtaos assurdos: massimizat su profitu e fintzes sa disocupatzione, produit prus merces e fintzes prus disocupaos ca no podet mai mancu bòllere totu sa gente àbbile ocupada (sa “piena occupazione” no dha tenent mancu is logos prus isvilupaos); dhi serbint is risorsas a cumenciare de is cunditziones ambientales necessàrias po sa vida e dhas distruet e isperdet chi mancu su tzunami, e a costu de fàere su Pianeta intreu a unu muntonàrgiu e unu desertu. E sa cosa no est deabberu bella mancu po is ‘cavalieri’ de cust’assurdidade etotu.
      Noso tocat chi cunsidereus bene ite totu bolet nàrrere cust’economia in logu nostu inue is Sardos podeus e depeus pònnere is manos ca est su logu de sa libbertade e responsabbilidade nosta (ca inue portaus is peis tocat chi porteus sa conca puru), e pentzare ite totu teneus e podeus fàere si assumancu in parte significativa podeus cambiare in méngius; tocat chi cunsidereus bene in manos de chie e comente seus; depeus pentzare a comente sa dipendhéntzia (= dipèndhere = dipendhentes) nosi at trasformau e faet a dipendhentes disocupaos, a disocupaos dipendhentes che is parassitas ma morindho etotu, disocupatzione coment’e habitus, cumportamentos, abbitúdines cantu e peus de unu vítziu mortale.
      S’economia dominante bolet gente dipendhente deosi, disocupada, lassada ibertandho calecuna alemúsina. In d-una Sardigna prena de dónnia bene a cumenciare de su èssere un’ísula e pagu abbitada puru, si a su postu de sighire a prànghere pentzaus a cantu podeus fàere!
      Ite faeus? Sigheus a ibertare is “elefantes” de s’economia a nosi portare “lavoro”? S’economia de is “elefantes” at distrutu in parte manna s’economia nosta, no at lassau isvilupare e cambiare in méngius s’economia prus propriamente nosta; s’economia de is “elefantes” no benit a innoghe po giare trebballu a noso: benit po pinnigare milliones (e faet disastros puru, umanos e ambientales). Nosi lassat disocupaos e si ndhe andhat puru.
      Depeus andhare ancora aifatu de unu “elefante” chi nos istrecat cantu prus nosi acortzius?
      Iaus a dèpere istesiare, pentzare a comente trebballare e cantu prus chentza “elefantes”.
      Giustu comente est custa isperiéntzia de “S’Agiudu Torrau” chi contat Enrico Lobina. In is chentu e prus bidhas chi funt morindho (e de candho funt morindho, cussas che a totu sa Sardigna! Solu is ‘políticos’ passant de “un successo ad un altro”!) dhue at benes abbandhonaos, de sa terra a benes chi ant fatu is mannos nostos.
      Is amministradores comunales (chi su 99% de su tempus dhu depent pònnere a pistare abba sèmpere firmos in su matessi tretu torrandho a morigare su chi ant morigau chentu e una borta, impantanaos in dificurtades chi mancu naschint de noso ma chi nos’iscàrrigat un’Istadu inimigu e su guvernu de is Buginos, o impegnaos in chistiones de una demogratzia falsa ca tropu bortas no funt mancu cricandho su bene colletivu), naro is Amministradores comunales iant a dèpere istudiare e bíere ite podent fàere, e méngius puru personas de bona volontade chi dhis dolet a bíere is fígios fuliaos inoghe o emigrandho a dónnia logu fuendho a fora aifatu de una illusione.
      Ma noso teneus bisóngiu mannu de guvernu! Ca su guvernu no est s’Amministratzione comunale! Ca bidha mia no est sa Sardigna e dha depeus acabbare de èssere unu pópulu de bidhajos, bidhúnculos! Est totu sa Sardigna ispopulandhosi e de candho!
      Mi dimandho canta responsabbilidade tenet s’iscola in sa formatzione de una mentalidade e cumportamentos de dipendhéntzia? Sa gioventude sarda ite ischit, ite istúdiat de su chi est e tenet sa Sardigna po pentzare fintzes a una professione e a capacidades chi no siant cussas de fuire emigraos mancari a fàere unu trebballu chi in mínima parte e solu in capacidades genéricas currespondhet a su chi dhos ant preparaos in iscola? Ma ite guvernaus noso in cust’iscola maladita chi nos at diplomau e laureau e sighendho a laureare a ignorantes de is cosas nostas?
      E is ‘politícos’ sardos ite cosas pentzant de sighire a fàere e ite cumportamentos, cussos de Sàncio Pància (sic!) a servítziu de is Don Chisciotes miraculàrgios de dónnia colore e càlibbru?
      E a dónnia modu si seus gente séria est chistione chi nemos depet ibertare a nemos: cosas de fàere in su sensu de trebballare e agiudare su trebballu e sa vida dignitosa in logu nostu dhue ndh’at po totus e a is políticos est ora de dh’acabbare de dhis pregontare pragheredhos sighendho a mòrrere de pedidorias! Est sa Sardigna chi depent e depeus guvernare, innanti chi essat unu desertu de gente!