Accendere la fiammella …. Allumae sa fràmula … , di Salvatore Cubeddu

Il programma editoriale degli articoli redazionali della domenica. La notizia politica di questa settimana: le dimissioni di Paolo Maninchedda.

La metafora del fuoco può risultare pericolosa in questa metà di primavera che già è estate. Dell’incendio di boschi e praterie dobbiamo preoccuparci, non di ciò che mi avvio a parlare, per contribuire a tenere accesa una fiammella alla speranza di un futuro per i Sardi.

Ogni domenica mattina questo sito uscirà con un editoriale che, commentando fatti della settimana, proponga una riflessione attenta agli spazi di azione che ci consentano scelte positive. Una consapevole scelta volontaristica che sconta gli approfondimenti sulle manifestazioni,  le cause e le diramazioni di una condizione che tutti vedono come molto difficile. Situazione che dura da tempo, tanto che solo chi la segue dall’inizio è in grado di distinguerne fasi e responsabilità. Noi tra questi.

L’emergenza linguistica rappresenta la realtà e la metafora della presente condizione del popolo sardo. Esiste un parallelo indiscutibile e impressionante tra la perdita della lingua e la perdita della nostra economia, tra l’espropriazione culturale e l’espropriazione delle nostre risorse, tra il lasser faire nella cura della nostra anima più profonda e la leggerezza con cui qualcuno pretenderebbe che noi non ci si ribellassimo (stavolta il fuoco sul serio divamperebbe!) all’invasione di cardi, di canne e di pannelli solari nelle nostre pianure dopo che per cinquant’anni hanno avvelenato con la petrolchimica alcuni dei nostri migliori litorali. Parallelismi della nostra irresponsabilità voluta ed accettata.

Si tratta di affermazioni già espresse in questo sito, quasi alla lettera, in occasione della proposta di un new deal per la Sardegna, capace di affrontare contestualmente il tema della disoccupazione, del risanamento ambientale, della riforma delle istituzioni sarde e della prospettiva sia dei paesi che delle città.

…..Vedere la pars destruens è da noi fatto consueto. Ci aiuta l’indole, così come ci arriva dalle ‘botte’ della storia, ma anche la ‘coscienza infelice’ con cui troppo spesso ci trastulliamo. Non ci interessa più. La pura e semplice distruttività e la critica non propositiva non dovranno mai prevalere nel ragionare, scrivere, confrontarci tra noi.

Basta piagnistei: prendiamo in mano il nostro futuro che, se ci sarà, potrà arrivare solo con il nostro coraggio e le nostre fatiche. Valorizziamo tutto quello che di propositivo arriva sul tavolo. Senza esclusioni, ma senza aprioristiche preferenze.

*****

Riflettendo, quindi,  con propositività ed apertura al nuovo, la notizia che in questa settimana ci viene incontro – che rileviamo anche se, per le finalità programmatiche e per gli spazi autolimitati di questo articolo-introduzione,  non potremmo che riprendere (nella trascorsa attività di governo e per i suoi progressivi sviluppi) – sono le dimissioni non accettate dell’assessore regionale ai lavori pubblici, Paolo Maninchedda.

Maninchedda è protagonista sulla scena dell’istituzione regionale da una quindicina d’anni e le sue dimissioni non colpiscono tanto per il fatto in sé e nemmeno per le motivazioni, quanto per il “quando” e per il “come”.

Era stato annunciato all’opinione pubblica – e i sostenitori di Pigliaru l’attendevano – il rilancio dell’azione amministrativa, come un colpo d’ala che facesse tesoro dell’esperienza e delle scelte maturate nel corso della prima parte del mandato.

Ora, inevitabilmente, l’attività di un governo regionale ulteriormente indebolito verrà sottoposta al giudizio in una fase elettorale che già divampa al livello locale e si accrescerà con le elezioni politiche in arrivo.

Non sarà poi facile mantenere i toni soft di questa prima fase di ‘sorpresa’. La personalità di Maninchedda, le questioni poste in campo,  la sfida sottesa alle altre forze politiche, la competizione con il mondo sardo-indipendentista diventeranno presumibilmente terreno di scontro.

Comunque procedano questi eventi, nel nostro giudizio resterà fondamentale la lealtà che tutti devono ai complessivi interessi e al benessere dei Sardi, l’unico fine che davvero conta. E, in vista del quale, tutti (i politici che calcano la scena, i giornalisti che curano la narrazione, i cittadini che infine giudicheranno con il voto) dovremmo appassionarci e vigilare.

*****

Infine (per oggi): all’interno della redazione di questo sito – come, del resto, i componenti dell’associazione di cui è espressione – vige la massima libertà di giudizio sugli eventi della quotidianità, politica e non solo. Chi ci conosce, e magari ci apprezza, sa che ospitiamo tutte le opinioni intelligenti ed oneste. Per questo motivo,  i testi che pubblichiamo rappresentano i pensieri e la scrittura di coloro che vi si sono impegnati, cioè degli Autori. Evidentemente l’editoriale domenicale rifletterà il pensiero della redazione.

Cagliari, 4 giugno 2017

 

 

Allumae sa fràmula …. , de Boreddu Morette

Foeddare de fogu in custu mesu ‘e ‘eranu chi zai paret istìu, podet essere periculosu. Tìmere depemus su fogu fuìu in sartos e in buscos, ma non po cussu chi fueddo deo, chi cherzo mantennere allumada una framula de ispéra po sos tempos benidores de sos Sardos.

Donnia dominiga, a manzanu, custu zassu at a bogare unu articulu ‘editoriale’, de sas fainas de importu de sa chida, arresonande de cussu chi andat bene a faghere. Dhu cumprendéus: est ca dhu seberaus e dhu chereus, custu de abadiare su bonu e su zustu. Ischidende puru cussu chi non andat, e poita, e de chia est sa crupa de cussu chi est sutzediu fintzas ai como e durat dae tempus meda. E  ischidimos su de prima e su de posca, ateros e nois puru.

S’idea e sa presentada de sos Sardos de oe dha zada su disconnotu de sa limba sarda. Sa pèrdida de sa lilmba e sa pèrdida de s’economia est istètia sa matessi cosa. S’ind’ant liau sa cultura impare cun totus sos benes. Eus permetti chi s’inde furessint s’anima, dae fundu. Dhia sunt in mesu a nois cussos chi iant a cherrer chi sas terras nostras sient prenas de  isprebighinas e cannas, a pustis chi cun sa petrolchimica ant avvelenau sos oros de su mare. Terra e mare, zerachìa moderna chi eus bista e connota.

Ndh’eus foedhau atiras bortas, inogh’e totu, cun su proponiméntu de su new deal, po arresonare inpare de disimpréu, de ambiente de sanare, de institutziones de fagher noas, de su chi at’essere de sas biddas e de sas zitades.

Tropu bidéus su chi non andat. Dhu faghet s‘aerzu nostru, po sos cropos de s’istoria, dhu faghet su zogu cun sos sentidos maros.

De custu non s’in dhi depeus prus incurae. Sa critica non at a depet binchere s’arresonamentu tra nois.

Non serbit a si  lamentare: animu dhia cheret e gana de triballae, abadiande su chi depet bennere. Bidende su bellu chi arribat. Non lassande a parte nudda de cussu chi podet essere de azudu.

*****

Afetuande a su chi de bellu e nou arribat dae totue, sa nova de istechida – chi non podimos firmare comente iat a meritare, a motivu de s’incomintuzu de custu arresonare ed iscriere editoriales dae nois, ma chi eus a sighire comente movet sa chistione – sunt sas dimissiones de ‘assessore a sos publicos traballos, Paulu Maninchedda.

Maninchedda est omini connotu in sa Regione dae una bindighina de annos. Non ispantat su c’andare e su ‘poita’ s’ich’istesiat. Casumai faghet  pentzare su ‘candu’ e su ‘comente’ totu custu sutzedit. Ispetaiaus cosas noas dae su presidente Pigliaru,  a metade de su mandatu, cun promitas de portare a fatu.

Sas eleziones, amministrativas e politicas, ponent totu a sumuzu. Est istétiu pentzau totu custu?

A pustis de sos primos tempos, fortzis sas oghes ant a creschere: s’Omini, sas chistiones de importu, s’arresélu de sos partidos politicos, da gala aintro de sos patriotas, ant a essere ocasiones de brigas.

Comentechisiat, sntziglia e animu sunt necessarios po difendere sos interessos nostros. E chi totu andet a bonu.

 

Casteddu, 4 de lampadas

 

 

Condividi su:

    1 Comment to “Accendere la fiammella …. Allumae sa fràmula … , di Salvatore Cubeddu”

    1. By Mario Pudhu, 4 giugno 2017 @ 10:22

      Bene, Boredhu: allumamus sa fràmula de s’ispera! Mi ndhe allegro.
      Ma si podet ischire proite sighimus a pistare abba fintzas in sa menzus libbertade e su chi podimus fàghere una borta e bene in mesora nos cundennamus nois etotu a lu fàghere a duas bortas in su dópiu de su tempus? Proite custa pazinedha l’as iscrita in italianu e in sardu?
      Su domíniu ponet amministrados e amministradores dipendhentes a pistare abba, a fàghere e a torrare a fàghere sa matessi cosa chentza ndhe fagher fine o bogare ragas, comente si narat, ca li andhat bene meda a nos lassare fàghere totu su chi cherimus (candho si narat libertà!…) bastat chi no cambiemus su domíniu sou in libbertade nostra faghindhe comente serbit a nois.
      Pro no chircare àteru (e meda prus de importu), candho su molente nostru fit mortu de su risu (e nois fossis cuntentos puru pro su RISU ma chentza dare pesu a MORTU), su Parlamentu italianu si est ammentadu de un’art. 6 de sa “divina” Costituzione della Repubblica Italiana, at iscobertu a fortza de bi che lu tzacare in ogros chi in Sardigna faedhamus su sardu e, bontà sua, faghet una leze chi faghet contu fintzas de su sardu e narat chi lu podimus iscríere puru; ma si cherimus chi tenzat valore legale su sardu sa matessi cosa la depimus iscríere in italianu puru. In logu nostru pro nois etotu!
      Si podet ischire proite in Itàlia sa cosa la depent iscríere una borta ebbia e nois invetze in Sardigna a duas bortas? Su tempus de nois Sardos balet su mesu de su tempus de sos Italianos? O tiat èssere chi nois in logu nostru semus in logu anzenu e su Buzinu in logu nostru est in logu sou?
      E passet puru pro s’intelizéntzia e cusséntzia e connoschéntzia de sos Sardos chi a èssere civilizados lis paret a èssere civiles e iscrient e faedhant solu in italianu ca su Buzinu los cumprendhet ( e die cun die za ndhe podent medire s’efetu!).
      Ma nois Sardos de sa rughe chi semus e de candho gherrendhe pro su chi depiat èssere prus normale de comente su Sole faghet lughe, proite in assoluta libbertade no faedhamus e iscrimus, ponimus, sa matessi cosa una borta e no duas, su chi tenimus de nàrrere? Semus nois puru in s’idea chi su tempus nostru balet su mesu de su tempus de sos Italianos? Semus abberu cumbintos chi sos Sardos chi depent cumprèndhere su chi namus e iscrimus sunt tontos che napa? E si tenimus diritu a sa libbertade che a totu sos umanos, libbertade personale e colletiva coment’e pópulu, su pagu chi est in podere nostru (ca cussa est SA libbertade) ite ispetamus a lu fàghere? Pro totu sos Sardos, bastat su sardu pro nos cumprèndhere: aite a pèrdere àteru tempus puru? Cun su prantu bastat! Sos Sardos amus prantu fintzas tropu. Fàghere depimus! De contradditziones e límites ndhe tenimus totugantos (fintzas su Buzinu, mih!), e però inderetura in galera unu podet èssere una pessone líbbera! Pessamus tandho cantas cosas de sa libbertade nostra e de indipendhéntzia política tiaimus pòdere fàghere, assumancu pro cambiare bentu, diretzione, finindhe de pònnere ifatu a chie nos at iscaminadu e mandhadu e sighit a iscaminare e mandhare innoromala, Buzinu o Buzinistas chi siant.