… Non spegnere il lucignolo fumigante …, di Salvatore Cubeddu

No at a truncare sa canna filada, no at a istudare s’istoppinzu fumente…. (Mt.12,20)


Lo attribuisce a sé, il primo militante politico della storia, facendo seguito a “… non spezzerà una canna già incrinata…”, riferendo a sé quanto il profeta Isaia collegava ai compiti del Messia futuro. Sì, è proprio a Gesù di Nazareth che intendo riferirmi considerando la Sardegna come un luogo bisognoso di salvezza ed i Sardi, il suo Popolo, come i veri e i necessari salvatori.

Chi da decenni scrive dei mali di quest’Isola si ripete. Così come, chi si propone di intervenirvi, è come se debba costantemente ri-iniziare d’accapo la perenne fatica di Sisifo. La realtà economica, sociale, politica, culturale, istituzionale … possiamo descriverla anche quale canna pestata o vederla come una flebile e fatiscente fiammella.

Ma: qual è il lucignolo che fumica e la canna pestata che ancora resiste e non si è rotta? Cosa possono fare i salvatori di questa terra, cioè le persone riunite in popolo, che la abitano? Di questo, credo, si dovrebbe soprattutto parlare.

Sappiamo troppo e bene di ciò che non va, meno delle fiammelle che reggono e di quelle che si accendono. La difficile realtà  ci appanna la visuale? Una depressione collettiva ha steso una coltre paralizzante?

E’ un problema di risorse economiche? Non precisamente. E’ più questione di capacità di immaginare il nostro futuro. Di crederci e proporre originali e coraggiose soluzioni. Meno vertenze e più progetti. Più diretto protagonismo.  Non servono i soldi se non hai sufficiente competenza e certezza  che il loro utilizzo sia in grado di risolvere i tuoi problemi.

Lamentele, aggressività, frustrazione. La fase vertenziale iniziata nella seconda parte dello scorso secolo vive gli ultimi sussulti e, se non si accompagna ad un prevalente nostro protagonismo, è destinata a riprodurre solo quello che ci troviamo di fronte.

Anche noi vorremmo funzionare come una fiammella. Saremmo felici di essere capaci di vederle e di riconoscerci nelle innumerevoli che possono risplendere.

A questo proposito, la citazione biblica (“La canna già fessa non spezzerà, né il lucignolo che ancora fuma spegnerà …”) conclude con “…finché non abbia fatto trionfare la giustizia.” (Mt 12, 20). Giustizia qui significa “finché non avremo fatto le cose giuste”. Appunto: quelle che dobbiamo andare ad individuare e a praticare.

PS. Chi legge, questo articolo scritto in una mattinata di domenica di quaresima, ricorderà prediche antiche. Ma che colpa abbiamo noi, se per nutrire la fiducia in noi stessi e per ‘sperare contro ogni speranza’, la ricerca di una comune solidarietà ci rimanda alla vicenda antica dei “grandi falliti”?

 

No at a truncare sa canna filada, no at a istudare s’istoppinzu fumente….

di Salvatore Cubeddu

 

Dhu narat foeddende de sea sua su primu gherradore de ideas in s’istoria,  sighende s’arresonamentu sou cun “… no at a truncare sa canna filada”, foeddande de issu matessi po su chi Isaia su profeta naraiat po su Messia benidore.  Ca est propriu de Zesus de Nazareth chi ia cherrer foeddare pentzande a sa Sardigna comente terra bisonzosa de sarvesa e sos Sardos sarbadores suos forzados e veros.

Chie iscriet dae tempus meda de sos males de cust’Isola sighet a narrer semper sas matessis cosas, comente chie cherer faghet su zustu comintzat sa faina semper dae nou, penende che Sisifu su grecu. Su chi passat sa sotziedade, s’economia, sa politica, sa  cultura e sas isitututziones  … dhas podemus bidere comente cannas pistadas o comente unu luminzu chi  faghe lughe.

Prusapprestu: cale est s’istomintzu chi fumigat o sa canna filada chi galu non est truncada? Ite podimos faghere, sos Sardos, po salvare sa terra nostra? De custu cherimus arresonare.

Sighimus a foedhare de su chi non bandat bene, nudda de sas framulas s’allumant poi fagher lughe totus.

Est chistione de dinare? Non paret. Este chistione de ideas, sa penzada zusta de su tempus benidore. De pentzare fainas adatas sighendedhas finas a su fatu. Cun animu e siguresa. Solu si dhia cretet a s’idea, serbit su dinare. Srebit pentzamentu e animu. E ispera in sos Sardos.

Sos tempos sunt cambiados. Non prus  lamentos, cravadorias,  ingabbos.  Non serbit s’arrennegu o su de pedire a foras su chi s’ispetat o tenimus su dovere de fagher nois.

Su de importu sunt sos luminzos chi si faghene lughe, tantos luminzos hcci arreconoschemus e chi creschene a illuminare terras, chelos, abbas, arias de sardigna.

Poita so foeddos biblicos dhos depimos lezere in totu: “No ata a truncare sa canna filada, no at istudare s’istopinzu fumente,   FINTZAS A CANDU SA ZUSTITZIA NO AT A BINCHERE. Zustitzia cheret narrer “fintza a candu nois non faghinus sas cosas zustas”. Propriu osinchi: cussas chi depemus seberare e cumprire.

 

 

 

 

 

Condividi su:

    1 Comment to “… Non spegnere il lucignolo fumigante …, di Salvatore Cubeddu”

    1. By Mario Pudhu, 19 marzo 2017 @ 15:43

      “Grandi falliti”? No est su ‘fallimentu’ chi depet pistighinzare ca in donzi e calesisiat manera s’istória, totu s’istória, est una “risultante” de sas fortzas chi si aunint, o tirant a bandhas diferentes e fintzas contràrias. Su chi contat est sa libbertade e responsabbilidade chi donzunu de nois tenet e zughet che a sos ossos chi nos permitint de istare ritzos, de caminare e de fàghere fortza, e no est una libbertade e responsabbilidade chi nos leamus! Est sa libbertade e responsabbilidade chi est donzunu de nois, est su chi semus!!! Pro cussu tocat a fàghere su chi podimus, ca libbertade e responsabbilidade est cussu e nudh’àteru cun totu su sensu chi tenet: no est “Cogito, ergo sum”, est “Si faghimu semus!”. Su fallimentu est si nois NO faghimus su chi podimus, ca est gai chi nois NO semus, e no su resurtadu chi ndh’amus a bogare. Tocat tandho a ischire ite depimus fàghere, e fàghere, no ispetare pedindhe! Poto solu nàrrere chi no est cosa de sindhacalistas: a su sindhacalista li serbit sempre unu mere che a su teracu pro èssere dipendhente. A sos Sardos pro èssere zente, ca intantu semus zente, nos serbit s’indipendhéntzia, no unu mere. Chi est a isperare cun sa sola isperàntzia, a crere cun sa sola fide e fidúcia in nois etotu chentza sa presuntzione cundennada in “maleitu cudhu chi cret a iss’etotu” chentza Deus chi est s’Isperàntzia sa Fide e s’Amore, e nos serbit totu s’istima ateretanta pro nois e pro totu sos àteros. La depimus agabbare cun totu sa politichedha prudigada de sos pulitichedhos ‘sindhacalistas’ sempre pistendhe abba faghindhe finta de difèndhere su torracontu de sa zente chi amministrant, brusiendhe fide, isperàntzia e caridade de sos Sardos pro nos muntènnere suta de unu mere chi de tropu tempus nos est bochindhe e serrendhe sa Sardigna che domo disabbitada istudendhennoche fintzas su Sole, si podiat.

    Lascia un commento